Una ecatombe. Non ci sono altre parole per descrivere la giornata di oggi nel nodo di Roma.

Sta tornado progressivamente alla normalità, dalle 18, il traffico ferroviario sulle linee FL1, FL3, FL5, Roma - Fiumicino Aeroporto/Viterbo/Civitavecchia, rallentato dalle 2.10 per il danneggiamento da parte di ignoti di diverse decine di metri di cavi tecnologici tra le stazioni di Roma Tuscolana e Roma Ostiense.

I treni in viaggio hanno registrato ritardi fino a 150 minuti, mentre quattro convogli a lunga percorrenza e 208 regionali sono stati cancellati, quattro treni a lunga percorrenza e 110 regionali sono stati limitati nel percorso.

Una situazione che ha messo in ginocchio tantissimi viaggiatori e tantissimi pendolari che si sono trovati senza sistemi per raggiungere la Capitale o per tornare a casa da essa.

Giova ripetere che in questo caso la colpa è di fattori decisamente esterni e che in ogni caso mettere su un servizio sostitutivo capillare sarebbe stato tanto opportuno quanto oggettivamente difficile vista la vastità dei disagi.

La buona notizia, se così si può definire, è che il peggio sembra essere alle spalle e che domani tutto dovrebbe tornare alla normalità, ma è assolutamente necessario intervenire affinché fatti simili non si ripetano più.

Mese consegna Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia