Il lento declino dei Caimano raggiunge anche le unità che stanno trovando, nella Sicilia, un isolato finale di carriera.

Nella giornata di oggi ha lasciato la regione per la terra ferma la E.656.025, da tempo accantonata presso il Deposito Locomotive di Messina.

La locomotiva abbondantemente cannibalizzata, come si evince dalle foto di Paolo Gangemi, è stata costruita da Casaralta-Asgen nel 1975 e fa parte della prima serie.

Questa si distingueva per la cassa con i coprigiunti e servizi ausiliari alimentati da due gruppi motoalternatori da 125 kVA. Nel dettaglio, poi, la sottoserie 052÷104 fu modificata nello snodo centrale del telaio, dove le parti metalliche lubrificate da una derivazione dell'impianto centralizzato furono sostituite da un elemento elastico non necessitante di lubrificazione.

Ultimato il trasferimento in continente, la macchina, secondo indiscrezioni raccolte, dovrebbe essere portata a Bari Lamasinata, dove sarà demolita presso la BB.

Si riduce dunque ulteriormente la presenza di Caimano sull'isola, destinati ormai nel breve periodo a venire rimpiazzati dalle onnipresenti E.464 anche sui servizi di rango.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Dal nostro YouTube

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia