Altri 6 mesi di cassa integrazione straordinaria per circa 1.010 dipendenti Alitalia.

È questa la richiesta che i commissari straordinari della compagnia hanno trasmesso alle associazioni di categoria Filt Cgil, Filt Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporto Aereo e all’Anpac, e che passa ora al vaglio del Ministero del Lavoro.

Intanto secondo un’indiscrezione diffusa qualche giorno fa da Bloomberg, Delta Air Lines e easyJet sarebbero pronte a un investimento di 400 milioni di euro per Alitalia. Delta Air Lines e easyJet controllerebbero così una quota pari a circa il 40%, che dovrebbe essere divisa equamente tra le due.

Una circostanza che non escluderebbe la partecipazione pubblica, visto il concomitante coinvolgimento di FS e del Ministero dell’Economia e delle Finanze, per una quota di più del 50%.

Decisivo anche l’annuncio di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo, che hanno anticipato lo sciopero nazionale del trasporto aereo per 4 ore di lunedì 25 marzo: “La situazione del settore, strategico per il Paese, è estremamente grave. Alla base dello sciopero c’è la situazione Alitalia, il cui esito non è affatto scontato, con circa oltre mille addetti ancora in Cigs e la mancanza di un riscontro su alcune criticità gestionali e altre legate al costo del lavoro”.

Secondo le associazioni sindacali le carenze legislative nel settore si fanno insopportabili, così come le scarse certezze legate al cosiddetto Fondo di solidarietà, impossibilitato a gestire l’attuale crisi.

All'entrata in servizio di Rock e Pop mancano:
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Dal nostro YouTube