Ritorna un nuovo appuntamento con “Top & Flop”! la rubrica di Ferrovie.Info in cui annoveriamo personaggi, aziende, enti o categorie che si sono, a nostro avviso, distinti in positivo e in negativo questa settimana. 

Diteci la vostra sulla nostra Pagina Facebook.

Partiamo!

TOP - Friuli Venezia Giulia

Accidenti, chi l'avrebbe mai detto! Il connubio treno+bici funziona alla grande. Gli ultimi, in ordine di tempo, a offrire un nuovo servizio di questo tipo sono stati i friulani, con l'iniziativa per la ciclovia Alpe Adria. Ad oggi le 5mila bici trasportate sui treni fanno registrare un aumento del 30% rispetto al 2018.

Su alcuni itinerari la domanda è più che raddoppiata: fra Udine e Tarvisio +150% e fra Carnia e Tarvisio +140%.

Risultati stupefacenti, che lasciano ben sperare anche in prospettiva futura, visto il continuo aumento dei cicloturisti che apprezzano la mobilità dolce, slow, salutare.

Non è una novità ma appunto per questo speriamo che anche Trenitalia segua l'esempio e tenga in considerazione sempre di più la possibilità di trasportare biciclette in treno (magari più di una-due per carrozza...), cosa che dovrebbe già avvenire sui nuovi treni regionali Pop e Rock.

All'estero, ricordiamoci, esistono intere carrozze adibite solo al trasporto bici.

Non scordiamoci però che servono anche le infrastrutture dedicate per poi poter andare in bici in sicurezza (leggi "piste ciclabili") e su questo dovranno fare la loro parte gli amministratori locali. Però, intanto, il Friuli Venezia Giulia si becca un bel top! Che sia d'esempio anche alle altre regioni. 

FLOP - Bologna Centrale e Bologna 2 Agosto

Bologna Centrale potrebbe diventare Bologna 2 Agosto. Questa sarebbe la proposta del comune (ancora da ufficializzare) inviata a RFI.

Non è chiaro, infatti, se sarebbe l'edificio della stazione a essere intitolato al ricordo delle vittime della strage oppure tutta la stazione, con cambio di cartelli e denominazione inclusi.

La nostra Redazione, pur mantenendo intatto un profondo rispetto per quelle vittime innocenti e rimanendo convinta di quanto sia doveroso ricordare le vittime e le dinamiche storico-politiche che portarono a quella follia, si schiera tra i contrari al totale cambio di nome.

Ci sono varie problematiche, in primis la confusione che si creerebbe, visto che il nome è Bologna Centrale ormai da decenni.

Il rispetto e il ricordo sono doverosi e fuori discussione, ma c'è modo e modo. Diverso (e più indicato) sarebbe intitolare l'edificio o la piazza antistante la stazione stessa. Noi, nel nostro piccolo, non smetteremo mai di ricordare e riportare alla luce i fatti di quel drammatico agosto di 39 anni fa

Nel frattempo, l'idea in quanto tale, ci pare un grosso flop.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia