Proseguono in Toscana i lavori di miglioramento del servizio sulla linea ferroviaria regionale casentinese gestita da LFI e iniziati lo scorso 28 luglio.

Come i nostri lettori sanno, avendone già ampiamente parlato, essi interessano la manutenzione sistematica all’armamento ferroviario e il rinnovamento completo del binario in due lunghi tratti tra Subbiano e Stia.

Contemporaneamente sono anche iniziati i lavori per la messa in opera e l'attrezzaggio del sistema di segnalamento ERTMS, che di fatto permetterà alla rete LFI di poter contare sul sistema di sicurezza più moderno esistente, attualmente in uso sulle linee ad Alta Velocità gestite da RFI.

Come gli appassionati sanno bene, si è scelto questo periodo estivo perché il servizio lungo l'asse Stia - Arezzo - Sinalunga è sottodimensionato, venendo garantito attualmente dalla società Tiemme attraverso autobus sostitutivi al treno. Questo per far sì che tutto sia concluso per il 1° settembre, quando la linea tornerà ad essere percorsa dai convogli ma soprattutto ad essere utilizzata dagli studenti e dai pendolari.

Ma le novità, per LFI, non sono soltanto a livello di infrastruttura.

Secondo quanto riportato da La Nazione, è in atto una trattativa per far arrivare entro la primavera 2020, due treni Jazz e due treni Media Distanza per sopperire alle carenze di materiale rese evidenti soprattutto in queste ultime settimane e rinnovare sensibilmente il materiale con dei treni funzionalmente condizionati anche in situazioni meteo di caldo straordinario come quello attualmente in corso.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia