Sono destinate ad essere sospese le limitazioni nell’esercizio della Termini-Giardinetti introdotte all’inizio di luglio.

La tratta non rientra infatti tra quelle di competenza dell’Agenzia nazionale sicurezza ferroviaria, l’ANSF. A spiegarlo è il comitato di quartiere di Tor Pignattara in seguito a una comunicazione dell’Agenzia: “Il 14 agosto scorso il direttore ci ha comunicato che in forza del decreto legge 50 del 14 maggio 2019 le ferrovie che effettuano servizio di tipo tramviario, come la Termini - Giardinetti, risultano fuori dalla competenza ANSF”.

Si legge nella mail che porta la firma del direttore dell’Agenzia: “Non rientrano nell'ambito di applicazione della legge le ferrovie che effettuano servizio di tipo tramviario”.

Spiega il comitato: “Al nostro trenino non si applicano le disposizioni previste dall’ANSF, che comprendono, tra le altre, le disposizioni per la marcia in condizioni di segnalamento degradato o disattivato e per l’attraversamento di passaggi a livello ferroviari non protetti”.

Per questo i cittadini chiedono “che vengano annullate, prima della riapertura delle scuole, le disposizioni ATAC emanate in forza di un decreto che evidentemente non si applica alla linea e che vengano messe in atto tutte le azioni necessarie per avviare il progetto di riqualificazione della linea (in primis la trasformazione “formale” in tranvia e la cessione al comune di Roma)”.

La conferma arriva anche dal decreto del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti approvato il 2 agosto scorso. Una volta che verrà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale e quindi diventerà effettivo, le limitazioni introdotte il 1 luglio con la disposizione operativa 136 del 29 giugno emessa da ATAC verranno sospese.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia