Ritorna un nuovo appuntamento con “Top & Flop”! la rubrica di Ferrovie.Info in cui annoveriamo personaggi, aziende, enti o categorie che si sono, a nostro avviso, distinti in positivo e in negativo questa settimana. 

Diteci la vostra sulla nostra Pagina Facebook.

Partiamo!

TOP - Germania

Le Ferrovie Tedesche "si sentono in dovere di contribuire alla protezione del clima". E questa è un'ottima idea, ma ancora meglio è passare dalle parole ai fatti. 

Il governo federale potrebbe decidere di tagliare l'IVA sui biglietti ferroviari per le lunghe tratte dal 19 al 7%, mentre DB potrebbe tagliare il prezzo dei medesimi biglietti del 10%. Secondo i calcoli della compagnia, in questo modo potrebbero essere venduti cinque milioni in più di tagliandi con entrate aggiuntive fino a 200 milioni di euro.

Una mossa più che simbolica, perché si potrebbe tradurre in un effettivo calo del prezzo per i consumatori che sarebbero incentivati ad utilizzare il treno invece che l'auto. Non sarà questo a salvare il pianeta, ma ogni passo verso la riduzione di CO2 va applaudito e salutato con un bel top

Se poi non si farà (la proposta è ancora allo stadio di "annuncio" e non si è ancora tradotta in una norma effettiva) gireremo il top in flop perché evocare in pompa magna una simile iniziativa e poi tirarsi indietro, saprebbe tanto di mossa pubblicitaria e nulla più... 

FLOP - Giappone, Cechia, Italia...

... e diverse altre nazioni. Non è un luogo comune, è proprio vero: tutto il mondo è paese, specialmente quando si tratta di cattive abitudini.

Vicino a Tokyo un camion ad un passaggio a livello si è piazzato in mezzo ai binari ed è stato centrato da un treno in transito. In Repubblica Ceca è successa esattamente la stessa cosa a pochissimi giorni di distanza. Per non farci mancare niente, un evento con dinamica simile ma per fortuna senza scontri è avvenuto in Brianza, sempre questa settimana, con ritardi, danni e circolazione bloccata per molte ore.

Quasi sempre, i disastri che accadono in questi casi potrebbero essere evitati semplicemente "forzando" le barriere e togliendosi dai binari. Sembra banale, ma per molte persone non è così. Quindi forse vale la pena rimarcarlo: le sbarre dei passaggi e livello, se spinte, cadono facilmente.

Sono anni che lo scriviamo, se ancora non lo si è capito, iniziamo a pensare che non si abbiano tutte le abilità cognitive al loro posto. Peccato che nel frattempo, molto spesso, per la stupidità ci scappino i morti.

Flop per tutti loro, ma una bella multa di quelle da spellare le mani sarebbe più appropriata!

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia