Ennesima "carneficina" sulla linea Adriatica, ma stavolta la colpa è solo di qualche scellerato.

L'allarme bomba nucleare che ha bloccato la stazione di Pescara e le linee limitrofe ha seminato il caos per tutto il pomeriggio con ritardi di ore per i treni regionali e AV.

Hanno registrato oltre due ore di ritardo, tra gli altri, gli Intercity 605, 607, 608, 610 e 612, assieme al Frecciarossa 9887 e ai Frecciabianca 8882 e 8889. Ritardo più contenuto ma forte anche per il Frecciabianca 8884, 8891 e 8893 e per il Frecciarossa 9886 oltre all'Intercity 603.

Ma una vera ecatombe è stata anche per i treni regionali, undici dei quali hanno riportato ritardi dai 30 minuti alle 3 ore, tanto per quelli di Trenitalia quanto per quelli di TUA Abruzzo.

Ricordiamo che il traffico è stato interrotto sulle linee Terni – Sulmona, Pescara – Sulmona, Civitanova Marche – Albacina, Porto d’Ascoli – Ascoli, Giulianova – Teramo, Pescara – Ancona, per accertamenti tecnici dell’Autorità Giudiziaria.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia