Nessuna inerzia rispetto alla elettrificazione della Valsugana.

A dirlo è il Presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, rispondendo ad alcune indiscrezioni uscite nei giorni scorsi in cui membri dell'opposizione, tra cui i consiglieri M5S Alex Marini e Filippo Degasperi chiedevano lumi sulla lentezza dei lavori, già cominciati nel tratto veneto.

"Sulla elettrificazione della Valsugana non c'è nessuna inerzia – ha detto Fugatti – anzi, da RFI ci attendiamo entro l'11 novembre le tempistiche del progetto e della realizzazione degli interventi. È vero che lo scorso novembre nell'immediatezza della tempesta Vaia, e riscontrato che in quella data non c'era un progetto, avevamo chiesto di verificare l'opportunità di utilizzare quei fondi per l'emergenza, ma a giugno, dopo lo stanziamento delle risorse nazionali per la ricostruzione, avevamo comunicato a RFI di procedere, ribadendo la sollecitazione anche in occasione di successive riunioni tecniche che si sono svolte a Roma a luglio”.

L'elettrificazione è decisiva per rendere la ferrovia della Valsugana più efficiente e sostenibile, nel contesto della creazione di un “ring dolomitico”, importante in vista delle future Olimpiadi, ma anche per il rafforzamento di un tratto con forti ricadute turistiche.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia