Il tentativo è quello di migliorare la situazione intorno a Roma Termini.

La metodologia seguita è quella di controlli e bonifiche tutti i giorni dalle sette del mattino a oltre mezzanotte con blitz che successivamente, una volta a settimana, diventeranno ad "alto impatto".

Obiettivo riportare la legalità nelle zone limitrofe, da troppo tempo abbandonate a sé stesse, come in piazza dei Cinquecento, in via Marsala e via Giolitti ma anche nei pressi dei binari della ferrovia per Centocelle.

 

 

Il tutto prevedendo di entrare a regime nelle prossime settimane, prima di Natale, quando Termini si trasformerà ancora di più in un crocevia per milioni di viaggiatori.

Il piano di prevenzione vede il coinvolgimento della Polfer, dei militari dell’Esercito impegnati in «Strade sicure», e della Polizia Municipale, alla quale viene affidato il compito non solo di fronteggiare l’abusivismo commerciale ma anche di gestire il fenomeno degli accampati nei dintorni e spesso anche di fronte allo scalo.

Una situazione, questa, che è ben nota nella zona ma che andrebbe affrontata probabilmente in maniera diversa, soprattutto in inverno quando a causa del freddo la stazione diventa "casa" per molti clochard.

È indubbio, però, che al di là dei controlli, degli arresti per spaccio, rapina, furto, borseggio, molestie e altri reati, e la stessa prevenzione antiterrorismo, è anche questo un nodo da sciogliere per il decoro di una stazione che accoglie milioni di viaggiatori all'anno e che nonostante i miglioramenti ricevuti negli ultimi anni ancora presenta numerose lacune in termini di sicurezza e di pulizia.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia