Aumentano le fermate dei treni ad alta velocità a Ferrara.

La precisa disamina arriva da Il Resto del Carlino.

Da domenica 15 dicembre, data di entrata in vigore dell’orario invernale, i collegamenti diretti con Firenze, Roma e Napoli raggiungeranno un numero senza precedenti per la città estense. Cresceranno soprattutto le Frecce di Trenitalia per la capitale passando da tre a dieci al giorno (nel dettaglio: quattro Frecciargento, due Frecciarossa e quattro Frecciarossa1000).

La metà delle corse verrà inoltre prolungata fino a Napoli, sinora non raggiunta. L’offerta di Trenitalia così potenziata si affiancherà a quella dei concorrenti di NTV, che introdusse Ferrara come destinazione tre anni fa e che già garantisce sei Italo fino a Roma (diventeranno sette), di cui tre per Napoli.

Le nuove tracce orarie copriranno l’intero quotidiano permettendo spostamenti più comodi sia per i viaggi d’affari sia per quelli di piacere; il primo Frecciarossa passerà alle 7.29 in tempo per raggiungere Firenze alle 8.39, Roma alle 10.25 e Napoli alle 11.48.

Specularmente, in direzione opposta, saranno rafforzate le partenze per Padova e Venezia , e nella fascia serale sarà introdotto 1 Frecciargento per Trieste e 1 Frecciarossa1000 per Udine (in aggiunta alla conferma di un Italo).

Più omogenei poi i tempi di percorrenza, con differenze di qualche minuto tra Italo e le Frecce: poco meno di tre ore per Roma , poco più di un’ora per Firenze e Venezia, poco più di mezz’ora per Padova, circa quattro ore e un quarto per Napoli.

Al momento, mancano peraltro gli altri treni che completeranno il quadro generale, ossia Regionali, Intercity, e i treni a lunga percorrenza lungo la linea adriatica. Unica variazione in negativo al momento un Italo per Salerno, forse recuperabile nella stagione estiva.

L'articolo completo è disponibile cliccando qui.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia