Un lunghissimo comunicato che è anche una lodevole assunzione di responsabilità.

Nonostante ritardi nella messa in servizio di nuovi treni, rallentamenti sulle tratte più trafficate, cantieri e personale sotto pressione, le Ferrovie Svizzere stanno combattendo con una sola priorità, migliorare la puntualità.

Per far fronte ai vari problemi di tipo operativo, FFS ha deciso di intervenire a più livelli, migliorare la pianificazione dei servizi e dei progetti di costruzione.

Laddove necessario - si legge in una nota odierna - le FFS intendono inoltre creare maggiori riserve a livello di personale, di materiale rotabile, di impianti e di orario. Le prime misure coincidono con l’introduzione del nuovo orario, nel mese di dicembre.

Si tratta di modifiche dell’ordine di minuti o addirittura di secondi - perché "non è possibile fare di più in tempi così brevi", rendono noto le FFS. Verrà introdotto ad esempio, in modo selettivo, il principio "first in, first out". Questo, in soldoni, significa che in futuro partirà per primo il treno che è pronto prima. In questo modo si evita che il ritardo di un convoglio vada a sommarsi a quello del successivo.

Come seconda misura, le FFS raccomanderanno ai passeggeri che viaggiano tra la Svizzera orientale e la regione del Mittelland e viceversa di cambiare treno all’aeroporto invece che alla stazione centrale di Zurigo poiché nella prima stazione i treni delle corrispondenze si fermeranno sullo stesso binario.

Queste misure rappresentano una prima fase del programma a lungo termine "Puntualità dei clienti 2.0" lanciato alla fine del 2018. Benché sia migliorata costantemente negli ultimi anni e si situi ad alti livelli per gli standard europei, la puntualità risulta "a volte è inadeguata sia a livello regionale che su singole rotte", scrivono le FFS.

Giusto però ricordare anche che in Svizzera un treno è considerato puntuale fino a un ritardo massimo di 3 minuti. Esso è lo standard di puntualità più severo fra tutte le ferrovie europee. Con oltre 150 treni al giorno su ogni tratta, le FFS gestiscono la rete ferroviaria più trafficata d’Europa che ospita, oltretutto, una circolazione mista di treni merci e viaggiatori. Solo i Paesi Bassi registrano cifre simili; in tutti gli altri Paesi il tasso di sfruttamento è inferiore a 100 treni al giorno per ogni tratta.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia