Un problema meccanico, evidentemente importante, costringe al blocco due treni di LFI.

Lo comunica la stessa società.

"Ci teniamo a precisare che i disagi sopportati dagli utenti del servizio sulla linea ferroviaria Arezzo Stia, in questi ultimi giorni, sono dovuti ad un problema meccanico occorso ad un treno che ha obbligato la società, per garantire la massima sicurezza dei propri clienti e del proprio personale, a fermare anche l'altro convoglio con medesime caratteristiche per una approfondita diagnosi tecnica".

Al posto del treno è stato attivato un servizio bus sostitutivo: "La società è obbligata a sostituire, per il tempo necessario a queste verifiche ovvero circa 20 giorni, i servizi treno con autobus di linea".

Sulla vicenda interviene anche il presidente di LFI Maurizio Seri, ribadendo quanto avevamo anticipato alcuni giorni fa: "La società è da tempo impegnata insieme alla Regione Toscana a rinnovare il parco rotabile per l'acquisto di nuovi treni. Due Jazz sono in programma per la primavera 2020.
È altrettanto evidente che per effettuare tutti gli investimenti necessari al rinnovo del materiale rotabile e poter concorrere con possibilità di successo all'aggiudicazione di un lotto nelle future gare per il tpl ferroviario in Toscana, la società ha bisogno di partner industriali che diano garanzie di investimenti e tenuta societaria; garanzie, soprattutto sugli investimenti, che gli enti pubblici non sono al momento in grado di fornire.
Ci scusiamo ancora per il disagio ma preferiamo subire delle lamentele che mettere a repentaglio la sicurezza di viaggiatori e dipendenti".

Considerando il materiale in possesso di LFI, è probabile che i mezzi interessati siano le ALe 940 ex Trenitalia o i Jazz. Gli altri rotabili dovrebbero essere tutti in numero maggiore o minore di due esemplari.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia