Finalmente arrivano buone notizie per i pendolari di Roma.

“Un investimento di 800 milioni complessivi sulla Roma-Lido e la Roma-Viterbo. Con una stima complessiva di avvio e completamento lavori di 36 mesi”.

Questo quanto annunciato oggi dall’assessore ai Trasporti della Regione Lazio, Mauro Alessandri, nel corso di una conferenza stampa. La Regione si avvia dunque a far partire i cantieri sulle due importanti ferrovie ex concesse dopo la pubblicazione delle gare dei mesi scorsi.

In particolare 315 milioni andranno per nuovi convogli per entrambe le linee, 144 per l’ammodernamento e il potenziamento della Roma-Lido e 337 per la Roma-Viterbo. I primi 500 milioni si attiveranno entro il primo semestrale del 2020 e tutti gli interventi saranno conclusi per la fine del 2022.

Per quanto riguarda i nuovi convogli saranno 20 per la Roma-Lido e 18 per la Roma-Viterbo e di questi sono già partite le lettere di invito per comprare i primi 11 (5 per Ostia e 6 per Viterbo) per 100 milioni di investimento.

“Noi, però - ha detto Alessandri - cominciamo da subito ad occuparci di queste due linee con il subentro ad ATAC. Prima sulla gestione dell’infrastruttura da parte di Astral, che affiancherà ATAC da gennaio 2020 per sostituirsi a lei da giugno 2020, e dopo sulla gestione del servizio con Cotral, che affiancherà ATAC da gennaio 2021 e la sostituirà nell’estate del 2021”.

Gli 800 milioni che saranno investiti sono per una parte regionali, in parte statali grazie ad un accordo di programma (di questi sono già stanziati 315 milioni) e in parte del Fondo di sviluppo e coesione europeo. Sono compresi anche 180 milioni già stanziati dal Governo Renzi.

“Tutto ciò dimostra il nostro impegno come amministrazione regionale - ha concluso Alessandri - Siamo nelle condizioni di garantire un futuro, di certo migliore e non lontano, a queste due infrastrutture”.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia