Le FFS devono reintrodurre l’accompagnamento dei treni a lunga percorrenza da parte di due agenti, abbandonato a fine 2018.

Questa la richiesta avanzata dal sindacato del personale dei trasporti SEV, contenuta in una risoluzione consegnata a Linus Looser, dirigente della produzione ferroviaria, e Reto Liechti, dirigente dell’assistenza clienti e pulizia treni delle FFS.

“Abbandonare il principio secondo cui tutti i treni a lunga percorrenza sono accompagnati da un team di due persone è stato un errore”, spiega il presidente centrale ZPV Andreas Menet. “Da quando è stato introdotto, dieci anni fa, il doppio accompagnamento si è dimostrato molto opportuno e ha dato un importante contributo alla sicurezza dei passeggeri e del personale. Ha inoltre permesso a noi assistenti clienti di svolgere con un minimo di serenità il nostro lavoro e di fornire alla nostra clientela il miglior servizio possibile.

Noi siamo il «volto delle FFS» e ormai le ultime persone in grado di dare informazioni, dato che le altre funzioni sono state cancellate dall’automazione e dalla digitalizzazione. Di fatto, non siamo però più in grado di offrire un servizio di qualità, se chiamati ad assistere da soli centinaia di personale su treni molto lunghi o formati da due composizioni. Per non parlare poi di eventuali guasti o della necessità di evacuare un treno in caso di incendio di un treno in galleria”.

La risoluzione fa particolare riferimento alla linea del Gottardo, con la galleria ferroviaria più lunga al mondo, percorsa da treni spesso molto affollati. Tutti questi motivi hanno indotto il sindacato SEV e la sotto federazione ZPV a esigere dalle FFS la reintroduzione dell’accompagnamento da parte di due agenti su tutti i treni a lunga percorrenza.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia