È stato svelato, nella giornata di ieri, uno dei futuri concorrenti dei nostri ETR 400 in Spagna.

Renfe guadagna infatti posizioni sulla concorrenza con l'arrivo di AVLO, il suo nuovo segmento ad Alta Velocità low cost che inizierà a operare il 6 aprile tra Barcellona e Madrid. I biglietti non saranno in vendita fino alla fine di gennaio, in coincidenza con la fiera turistica Fitur, e sebbene il servizio inizierà tra Barcellona e Madrid "man mano che si consolida, sarà esteso ad altri corridoi".

Lo ha annunciato il ministro dello Sviluppo, José Luis Ábalos, insieme al presidente della compagnia, Isaías Táboas, negli incontri che Renfe ha tenuto a Villaseca de la Sagra (Toledo), insieme a Malaga e Valladolid dove è stato completato il revamping del Talgo 112 in AVLO.

L'interno del nuovo AVE economico è ancora un mistero, ma non l'esterno che si allontana dal tipico convoglio bianco ad alta velocità di Renfe in quanto è dipinto di viola - il colore aziendale - con due linee parallele, una arancione e una bianca. Il nome di AVLO, che deriva dall'acronimo di "Alta Velocidad Low Cost", è azzurro.

Oltre al design dei treni, cambia anche la sua configurazione. Gli AVLO non avranno una caffetteria, sebbene disporranno di distributori automatici e forniranno solo un servizio di classe turistica che permetterà di avere il 20% di posti in più rispetto agli attuali treni della serie 112, per aggiungere un totale di 438 posti a sedere per treno. Successivamente, con l'ampliamento del nuovo servizio, verranno incorporati i nuovi treni della serie 106, con una capacità ancora maggiore, di 581 posti per treno.

Per quanto riguarda il prezzo di AVLO, né Ábalos né Táboas si sono sbilanciati. Tuttavia, l'anno scorso, durante la presentazione del piano strategico della società, Táboas ha avvertito che ci sarebbe spazio per tariffe "a basso costo" fino al 40% in meno rispetto a quelle attuali, il cui prezzo medio è di circa 52 euro. "Nei prossimi giorni riveleremo più dati su questa nuova offerta Renfe", ha dichiarato il presidente della compagnia.

Con l'arrivo di AVLO, Renfe lancia un segnale un anno prima dell'apertura alla concorrenza nell'alta velocità spagnola (14 dicembre 2020) nel corridoio di Barcellona, ​​Levante e sulla linea tra Madrid e Siviglia e Malaga. 

I nuovi operatori - SNCF e Trenitalia - preparano offerte di treni a prezzi convenienti e Renfe non vuole rimanere col cerino in mano. "Renfe è pronto per l'arrivo della competizione in Spagna, ma anche per andare a competere altrove senza complessi", ha avvertito Ábalos dell'intenzione dell'azienda di esplorare altri mercati.

Il Ministro dello Sviluppo, José Luis Ábalos, ha celebrato l'arrivo di AVLO come "pietra miliare" nella trasformazione del settore ferroviario in Spagna che "democratizzerà l'alta velocità" consentendo a più persone di accedere a questi servizi. "L'alta velocità non sarà un prodotto incentrato esclusivamente sui viaggi di lavoro, ma aprirà il servizio a famiglie, giovani e altri gruppi che lo hanno usato molto occasionalmente", ha affermato Ábalos. Il ministro ha anche detto che AVLO consentirà "l'ammortamento di 55.000 milioni di euro" investito nella rete ad alta velocità spagnola.

Secondo il ministro, i dati indicano che il numero di persone che usano la ferrovia è a livelli record: 511 milioni di passeggeri in tutti i servizi Renfe nell'ultimo anno, di cui 22 milioni in servizi AVE. Per Ábalos, AVLO si concentra sui tre scopi di rendere la ferrovia “più inclusiva, più competitiva e più sostenibile”, quindi, ha affermato, “i servizi saranno configurati in modo da avere un prezzo ridotto senza perdere le loro caratteristiche di velocità, puntualità e sicurezza".

Foto Renfe

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia