In media sono una decina le corse che ogni giorno vengono soppresse sulle due linee dell’EAV Circumflegrea e Cumana.

Negli ultimi giorni, in particolare sono aumentati i problemi sulla Cumana, paradossalmente legati alla sofisticata tecnologia dei nuovi convogli «Alfa 3», in esercizio da meno di un anno. Le precarie condizioni infrastrutturali linea impediscono il corretto funzionamento di questi modernissimi treni, che, specialmente quando piove e di prima mattina nelle giornate più umide, finiscono per «pattinare» sui binari andando in blocco e provocando ritardi e soppressioni a catena.

“Ci risulta - dice Pierino Ferraiuolo, segretario regionale Uil Trasporti - che l'EAV stia cercando di risolvere il problema insieme a Firema, che è la casa costruttrice. Con la pioggia, naturalmente, e soprattutto sul tratto costiero che va da Bagnoli a Lucrino, il problema si accentua. La diminuzione della velocità, necessaria per garantire la sicurezza dei viaggiatori e dei lavoratori, provoca ritardi determinando talvolta soppressioni di corse giornaliere”.

Accade soprattutto nelle prime ore del mattino e quando c’è pioggia", spiega Enzo Pinto, macchinista dell'EAV e delegato sindacale di Ugl: “Il treno va in protezione, come è giusto che sia, provocando un'avaria al sistema di trazione chiamato Teloc, con il convoglio che resta bloccato e non riesce più a ripartire provocando a sua volta delle soppressioni. Una problematica che abbiamo notato sin dalla messa in funzione sulla linea dei nuovi treni”.

La questione è ben nota all'Ente Autonomo Volturno che, sottolinea il presidente Umberto De Gregorio, si sta muovendo alla ricerca di una soluzione in tempi brevi. “I nuovi treni della Firema circolano ormai da più di un anno - afferma De Gregorio - e la stessa casa costruttrice sta lavorando per trovare una risoluzione rapida alle criticità che si sono manifestate. Peraltro siamo in attesa di ricevere dall’Agenzia Nazionale di Sicurezza Ferroviaria l’ok per l’immissione in servizio di altri due treni nuovi che ci consentirebbero di risolvere molti problemi che abbiamo sulla linea flegrea”.

A provocare ulteriori difficoltà, è anche la necessità di rispettare i limiti di velocità imposti dalla stessa Agenzia, subentrata per quanto riguarda le competenze sulla sicurezza al ministero dei Trasporti, con parametri molto più rigidi. “Questo - sottolinea De Gregorio - determina dei problemi sulle nostre linee che prima non avevamo affatto. Stiamo cercando una soluzione complessiva transitoria, anche attraverso una trattativa sindacale che ci auguriamo si chiuda in pochi giorni”.

A subire le conseguenze di questa situazione sono ovviamente i tanti pendolari che si spostano dalla periferia verso il centro della città. Le soppressioni, infatti, comportano ritardi e attese spesso snervanti. Oltre al limite di velocità di 70 chilometri orari imposto dall'Agenzia, sulla Cumana si aggiungono i problemi causati da una linea che in molti tratti è a binario unico ed è priva del sistema di blocco automatico di sicurezza, mentre è istituita la presenza di incroci fissi, che costringe ogni treno ad attendere a una stazione l’arrivo del convoglio in senso opposto per ripartire con il semaforo verde.

Problemi strutturali che necessitano soluzioni di medio, lungo periodo. “Intanto - evidenzia De Gregorio - dopo oltre cinquant'anni abbiamo finalmente messo a punto e chiuso una gara per il sistema sicurezza che riguarderà sia la Circumflegrea che la Cumana. Un'operazione del valore di circa venti milioni di euro e che rappresenterà una svolta epocale per la nostra azienda”.

L'articolo integrale su ilmattino.it.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia