Buone novità in arrivo, forse, per il Sud Italia.

Sabato 18 gennaio si terrà a Bari nel padiglione della Regione Puglia alla Fiera del Levante l’incontro organizzato dalla Associazione culturale «L’isola che non c’è» per chiedere al Governo la riduzione o l’esenzione del pagamento dei "pedaggi" (verosimilmente i costi delle tracce, ndr) a RFI per i Frecciarossa o Italo lungo la dorsale adriatica e ad Autostrade per L’Italia per le auto nel tratto da Bari a Massafra-Taranto.

Alla riunione parteciperanno numerosi sindaci pugliesi, personalità delle istituzioni regionali, giornalisti, accademici e Al Bano Carrisi: tutti testimonial della campagna #VOGLIAMOANCHEALSUDTRENIPIUVELOCI, che si propone di sensibilizzare il Governo e l’Europa ad avviare la realizzazione della infrastruttura per l’alta velocità ferroviaria nelle regioni lungo la dorsale adriatica, dove manca da sempre.

Target dell’incontro è formulare una proposta da inviare al premier Conte affinché adotti da Bologna a Lecce lo stesso provvedimento approvato dal Governo nelle settimane scorse e per i Frecciarossa in Campania.
Da gennaio 2020, infatti su sollecitazione di alcuni parlamentari di questa regione, Frecciarossa e Italo che proseguiranno a sud di Salerno non pagheranno il "pedaggio", in modo da far crescere in prospettiva il numero di convogli che svolgono questo servizio.

L'iniziativa, attraverso la quale si chiede l'esenzione dal pagamento a Rete Ferroviaria Italiana per il tratto percorso sulla rete non AV, è il frutto di una proposta avanzata da un centinaio di sindaci della Campania.  

«Perché - si chiedono i promotori dell'incontro - non possiamo richiedere anche noi Regioni della Dorsale Adriatica la stessa agevolazione, nella speranza che Trenitalia aumenti il numero dei Frecciarossa e che anche Italo avvii dei collegamenti che percorrano la linea AV Torino-Milano-Bologna e proseguano poi verso l’Adriatica fino a Bari e Lecce?».

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia