Era troppo bello per essere vero.

Abbiamo sempre detto che avere la certezza del destino dei rotabili potenzialmente demolendi è piuttosto difficile e ancora una volta ne abbiamo la conferma.

Qualche giorno fa abbiamo visto la E.655.410 trasferire le ALn 668.1025, .1052, .1055 e .1081 da Reggio Calabria ad Arezzo. La tappa finale del viaggio era Alessandria, ma in un primo momento sembrava non per accantonamento.

È invece di ieri la notizia che tre delle quattro automotrici (ALn 668.1052, .1055 e .1081) sono state trasferite da Alessandria stessa a San Giuseppe di Cairo, dove a meno di improbabili occorrenze, avverrà la riduzione volumetrica.

Per coloro che possono vivere senza vedere il Festival di Sanremo ma non senza senza avere qualche dato (e noi siamo sicuramente tra questi), andiamo a riepilogare qualche elemento di queste quattro automotrici.

La ALn 668.1025 è una Savilgiano datata 1976 che chiude dunque con molta probabilità la sua carriera dopo 44 anni di esercizio. Un anno di meno per le ALn 668.1052 e .1055 che sono state realizzate nel 1977 da Omeca. Uno ancora in meno per la ALn 668.1081, realizzata anch'essa da Savigliano ma datata 1978.

Le foto notturne, opera di Matteo Serra, mostrano il trasferimento nella stazione di Tortona, ormai prossimo alla destinazione finale. Sic transit gloria mundi.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia