Passo in avanti nelle Marche per la realizzazione del progetto “Easy Station” nella stazione ferroviaria di Fano.

Approvata all'unanimità in Consiglio regionale delle Marche la mozione del vice Presidente dell’Assemblea legislativa, firmatario e relatore, Renato Claudio Minardi che impegna la giunta regionale ad attivarsi presso RFI per accelerare il più possibile la realizzazione del progetto “Easy Station”, con l’obiettivo di migliorare la funzionalità, il decoro e l’accessibilità dei cittadini.

In aula il vice Presidente Minardi ha sottolineato come: “La stazione ferroviaria di Fano, vicina al centro cittadino, rappresenta un punto cruciale della città sia per i residenti che per coloro che provengono dalle località vicine delle vallate del Metauro e del Cesano, che si spostano in treno per motivi di lavoro, di studio o per finalità turistiche. Nonostante la sua importanza strategica, la stazione si presenta in una situazione di arretratezza e conseguente degrado che non fanno bene all'immagine turistica della terza città delle Marche per popolazione e peso economico, ma anche sulla percezione di sicurezza e vivibilità dei cittadini e dei turisti".

"La stazione – aggiunge il vice Presidente – deve rientrare al più presto nel progetto “Easy Station”, la strategia con cui RFI prevede di trasformare ed adeguare stazioni medio-grandi presenti nella regione per renderle più accessibili, accoglienti e sicure. Da luogo di transito deve diventare centro di accoglienza e di incontro come le moderne stazioni italiane”.

Nella mozione si evidenziano le problematiche sottoposte ai lavori dell’Aula consigliare, in particolare: i marciapiedi che non rispettano lo standard europeo di un’altezza di 55 cm dal piano binari per facilitare la salita e la discesa dai treni. Ancora, la pensilina per l’attesa dei viaggiatori, che dopo essere stata eliminata, non è stata ripristinata, causando notevoli disagi soprattutto nel periodo invernale. In evidenza nella mozione, la permanenza delle barriere architettoniche, che impediscono o rendono difficile l’accesso in stazione e in autonomia alle persone con disabilità e alle persone con mobilità ridotta.

“I viaggiatori con difficoltà motoria – continua Minardi – hanno diritto come gli altri a ricevere assistenza durante il tragitto. Pertanto, va attivato il Punto Blu anche nella stazione di Fano “. Sempre nella mozione si fa riferimento al piazzale antistante la stazione con una pavimentazione sconnessa che necessita di un’adeguata manutenzione visto il numero importante di persone che transitano tra partenze e arrivi nella città della Fortuna.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia