In una riunione tenutasi mercoledì scorso, il consiglio di sorveglianza di ÖBB Infrastructure AG ha deciso la partecipazione del 50% di ÖBB Infrastructure AG in "Logistik Center Austria Süd GmbH" (LCA Süd GmbH). 

Lo stato della Carinzia possiede l'altro 50%. La società è stata fondata due anni fa con il compito specifico di promuovere e commercializzare la sede di Villach-Fürnitz.

La partecipazione di ÖBB Infrastruktur AG a LCA Süd GmbH è una pietra miliare importante per l'ulteriore sviluppo strategico e operativo del terminal di Villach-Fürnitz. L'obiettivo dichiarato dell'azienda è quello di creare un "porto secco". Questo porto dell'entroterra sta per diventare un ramo a tutti gli effetti del porto di Trieste. Insieme allo stato della Carinzia, deve essere realizzata una sede logistica moderna ed efficiente, con posti di lavoro creati nella regione beneficiando della crescita del polo logistico di Trieste.

Il porto di Trieste è uno dei 20 porti più grandi d'Europa ed è un importante hub logistico per l'Europa centrale e orientale. Nei prossimi anni, la crescita del porto di Trieste continuerà a essere guidata da elevati investimenti. I fattori guida principali sono l'aumento delle capacità ferroviarie per il trasporto di container e lo sviluppo di nuove destinazioni. 

Grazie alla buona posizione geografica sull'asse baltico-adriatico, la partnership strategica con Trieste è una grande opportunità per il terminal di Villach che ambisce a diventare un centro logistico moderno e importante nella regione dell'Alpe-Adria.

Istituendo un corridoio doganale tra Villach e Trieste, vengono svolte tutte le attività per l'importazione e l'esportazione a Villach. Per l'industria del trasporto e del carico, questo significa una notevole riduzione dei costi, un notevole risparmio di tempo e un aumento della qualità del trasporto.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia