Situazione difficile nelle stazioni italiane a causa dell’allarme Coronavirus.

Dopo la chiusura delle stazioni ferroviarie da parte di Trenord, di Codogno, Maleo e Casalpusterlengo, in seguito all’ordinanza della Regione Lombardia, si è diffusa nella tarda serata di ieri la notizia di due convogli fermi uno in Stazione Centrale a Milano, l’altro a Lecce, per il sospetto di casi di contagio a bordo.

Si è trattato di un Italo da Milano per Torino (9948) e di una Freccia in partenza dalla stazione del capoluogo salentino.

 

A Milano è stato fatto scendere un passeggero che aveva dichiarato a Bologna, durante il viaggio, di avere avuto contatti con il 38enne risultato positivo a Codogno. Controllato dal 118 a Bologna è stato ritenuto un falso allarme e il treno è ripartito.

A Milano è arrivato con 80 minuti di ritardo e lo stesso passeggero è stato fatto nuovamente scendere dal treno e munito di mascherina. Sono arrivati Polizia e 118 ed è stato attivato il protocollo previsto in questi casi. È stata fatta scendere dal convoglio la passeggera che viaggiava accanto a lui, mentre il  treno è rimasto bloccato nella stazione di Milano per un'altra ora.

Passeggeri bloccati anche sul treno alla stazione di Lecce per un'ora e mezza. Il Frecciargento Roma - Lecce è arrivato alla stazione alle 21, ma le porte sono state aperte solo intorno alle 22.30. Sul convoglio sono saliti degli agenti con mascherine sul volto e alcuni sanitari in cerca di un ragazzo proveniente dalla Cina, che è stato trovato poco ma che non aveva alcun sintomo.

I medici si sono accertati del suo stato di salute ed è quindi stato permesso ai viaggiatori di lasciare il treno. Nonostante l'esito negativo l'Asl ha predisposto che sia l'uomo che i passeggeri della stessa carrozza siano tenuti sotto controllo nei prossimi 15 giorni.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia