Le due società svizzere BLS e FFS rimborseranno le sovvenzioni pubbliche ricevute in eccesso.

Lo hanno comunicato entrambe confermando quanto indicato venerdì mattina dall’Ufficio federale dei trasporti. In particolare, i sussidi in eccesso ricevuti da BLS e dalla sua filiale Busland, per un totale di 43,6 milioni di franchi, riguardano la comunità tariffale Libero, che copre il Canton Berna, ma interessa anche i Cantoni di Soletta e Lucerna.
L’azienda ha sottolineato che l’eccesso delle sovvenzioni ricevute si spiega con il mancato computo dei ricavi relativi agli abbonamenti metà prezzo nella comunità tariffale in questione.

BLS e Busland hanno detto di avere raggiunto un accordo con l'UFT e i Cantoni interessati, che stabilisce un rimborso di 41,8 milioni di franchi per BLS e di 1,8 milioni per Busland.

Per quanto riguarda le FFS, i sussidi in eccesso, che ammontano alla cifra di 7,4 milioni di franchi, riguardano la comunità tariffale Z-Pass, che copre l’area urbana di Zurigo e si estende anche al Canton Argovia, alla Svizzera orientale e a quella centrale.

L’ex regia federale precisa che “Tra il 2012 e il 2019 le FFS hanno utilizzato in Z-Pass la procedura standard per la pianificazione dei ricavi, applicata in tutte le altre analoghe comunità tariffali in Svizzera. Siccome in Z-Pass i ricavi del traffico regionale e del traffico a lunga percorrenza sono disponibili separatamente e presentano tassi di rendimento differenti, si sarebbe dovuta adattare la pianificazione a queste specificità”.

Le FFS hanno precisato di avere individuato l’errore all’inizio dello scorso anno e di averlo immediatamente rettificato per le offerte del 2020 e del 2021. L’azienda rimborserà il totale dell’importo ricevuto in eccesso.

L'articolo integrale su RSI News.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia