Nonostante il Paese non affronti un periodo particolarmente sereno, novità importanti potrebbero arrivare a breve nel settore trasporti nella regione Marche.

Sono infatti ventisei i milioni di euro di lavori previsti, entro l’anno, sulle linee ferroviarie Orte-Fabriano-Falconara e Albacina-Civitanova.

Scendendo nel dettaglio 11,2 milioni saranno destinati alla tratta che collega le Marche a Umbria e Lazio; mentre i restanti 15 milioni a quella Diesel che collega le università di Camerino e Macerata.

Per quanto riguarda la tribolata Orte-Fabriano-Falconara è stata avviata la prima fase dell’attivazione di un binario su un nuovo tracciato in variante lungo la Spoleto-Campello, in Umbria, per 5 milioni di euro. Due milioni, invece andranno per il rinnovo della tratta Trevi-Campello.

Dal punto di vista infrastrutturale saranno rinnovati sette scambi nella stazione di Foligno per 1 milione di euro e due nella stazione di Guincano (Terni) per 200mila euro.

Nelle Marche verranno rinnovati 3 deviatoi nella stazione di Serra San Quirico per 400mila euro. RFI investirà quindi 2 milioni per il rinnovo della linea aerea lungo la tratta Jesi-Jesi interporto–Falconara e 600mila euro per il miglioramento sismico di tre posti situati lungo tutto il tracciato.

Sulla Albacina-Civitanova sono in corso i lavori per l’elettrificazione della tratta. Nelle stazioni di Morrovalle, Corridonia, San Severino e Tolentino sono avviati i lavori per la costruzione di sottopassaggi, nuovi marciapiedi e pensiline per una spesa totale di 5 milioni. Serviranno poi almeno 2 milioni per l’attivazione dell'SCMT. 

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia