Da qualche settimana si snocciolano numeri di tutti i tipi, in ferrovia, ma in realtà ne basta uno molto significativo, 4.152.

È questo il numero di convogli di Trenitalia che ha circolato nella giornata di ieri, finora il più basso da noi registrato in una giornata feriale e col week end alle porte che non promette nulla di buono.

Per dare un senso a questo numero è necessario proporne però un altro, meno preciso, ma che dà la misura del periodo complicato che stiamo vivendo. Oltre 9.000, facendo una media, sono infatti i convogli che circolano normalmente sulla rete ferroviaria servita da Trenitalia stessa, il che ci porta a parlare di una riduzione dei servizi che, per il momento, si attesta intorno al 55%.

Detto in altre parole, almeno per quanto riguarda il principale gestore di servizi ferroviari passeggeri italiani, è stato soppresso finora più di un treno su due.

Numeri ancora più sconfortanti se si analizza la situazione di Italo, che è passata da 116 viaggi giornalieri a 6, tagliando, sostanzialmente, il 95% delle corse.

Cifre impensabili fino a qualche tempo fa che rischiano di infliggere un serio colpo a tutto il settore, soprattutto se, come possibile, verrà imposta dal Governo una nuova stretta per contenere ancora di più la pandemia.

Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni. Quel che è certo è che una situazione simile può essere affrontata senza eccessive complicazioni economiche solo per un lasso di tempo molto contenuto ma purtroppo la soluzione al problema Coronavirus non sembra essere dietro l'angolo.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia