La Campania si blinda e chiude le frontiere per arginarsi dal Coronavirus.

Come avevamo accennato ieri, sono iniziati i controlli negli impianti, con 70 poliziotti dislocati alla Stazione Centrale. Gli uomini della Polfer controllano i treni provenienti dal Nord e diretti al Sud e in particolar modo avrebbero verificato tre convogli considerati "sensibili".

Gli agenti hanno verificato i documenti e le autocertificazioni dei viaggiatori, mentre il personale di RFI ha misurato la temperatura corporea con i termoscanner: se risulta superiore a 37,3 deve essere interpellato il medico. Le verifiche si estendono anche ai trasporti in ambito regionale. Chi rientra in Campania dalle regioni settentrionali senza valida ragione, che sono "comprovate esigenze lavorative", motivi di "assoluta urgenza" oppure "di salute", viene denunciato. Stesso discorso per chi intende fare il percorso inverso, da Sud verso Nord.

Anche chi si sposta per motivi consentiti dalle norme, quando arriva in stazione (a Napoli Afragola, Salerno, Caserta, Benevento, Battipaglia, Aversa, Sapri, Eboli, Vallo della Lucania) con treni interregionali deve farsi misurare la temperatura e compilare l’autocertificazione.

A Benevento il Sindaco Clemente Mastella ha annunciato a cura del Comune e d’intesa con le forze di polizia, prevenzione Asl e Croce rossa, che sarà organizzato un posto di blocco presso la stazione centrale al Rione Ferrovia alle porte della città per verificare arrivi, autocertificazioni e misurazione temperatura.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia