Una quindicina di persone, giunte a Paola con un Frecciabianca partito da Roma sono stati sottoposti ai controlli scaturiti dall'ordinanza emessa dal presidente della Regione Calabria Jole Santelli.

Il provvedimento prevede, “Fino al 3 aprile 2020, il divieto di ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dal territorio regionale. Ai trasgressori, alla luce della potenziale esposizione al contagio, si applica la misura immediata della quarantena obbligatoria per 14 giorni”.

Tutti i passeggeri sono stati identificati e messi al corrente delle procedure che dovranno adottare. Solo alcuni avevano l’autocertificazione compilata per comprovati motivi di lavoro. La maggior parte, nelle prossime ore, sarà denunciata per mancato rispetto del Dpcm anti-Coronavirus.

L’assessore regionale alla Pianificazione e Sviluppo Territoriale, Domenica Catalfamo, informa inoltre che per rendere efficace il blocco dei flussi in ingresso in Calabria, sarà necessario il supporto delle Prefetture per il controllo delle reti di accesso attraverso il coordinamento delle forze dell’Ordine, Anas, Capitaneria di Porto, SACal, RFI, Trenitalia, Regione Calabria, Province e Città Metropolitana, Anci Calabria, rappresentanti autolinee.

“Nello specifico – si legge in una nota diffusa dalla Regione – dovranno essere controllate le reti d’accesso via gomma al confine a nord: SS106, SS18, strade interne (provinciali, comunali), A2 autostrada; Svincoli: A2 autostrada – SS280 – svincolo Lamezia, SS282 – svincolo Rosarno.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia