Le ferrovie spagnole Renfe intervengono come già fatto da quelle di altri paesi.

La compagnia adatterà infatti l’offerta di tutti i suoi servizi commerciali alla domanda attuale e ridurrà la circolazione AV e Lunga Distanza dal 50% al 30%. Inoltre, sarà disponibile solo un terzo dei posti sui treni in circolazione, sui quali l’operatore venderà solo il 10% dei normali biglietti.

La domanda attuale è diminuita del 95% rispetto al solito e l’occupazione dei servizi commerciali di Renfe è diminuita considerevolmente in tutti i collegamenti, attestandosi al di sotto del 10%. Renfe sta contattando i viaggiatori che potrebbero essere interessati da questa misura, trasferendoli su altri treni.

Per quanto riguarda i convogli pendolari, i servizi vanno dal 100% stabilito nel regio decreto che ha dichiarato lo stato di allarme, a una riduzione delle ore non di punta del 50%, mantenendo fino all’80% delle frequenze nelle ore di punta per garantire il necessario distanziamento tra i viaggiatori.

Queste misure sono state adottate nel quadro dello stato di allarme decretato dal Consiglio dei Ministri in occasione dell’epidemia di Coronavirus, che forza una situazione eccezionale di mobilità e l’applicazione di misure sanitarie. Renfe sconsiglia di viaggiare, tranne per motivi che non possono essere rinviati.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia