Il Comitato pendolari siciliani-Ciufer chiede il rimborso degli abbonamenti e dei biglietti ferroviari, acquistati nel mese di marzo e non utilizzati a causa della cancellazione di numerose corse determinata dall'emergenza Coronavirus.

“I treni cancellati arrivano sino all'80%” spiega il presidente del Ciufer Giosuè Malaponti che, alla luce “delle continue rimodulazioni del servizio”, oltre all'assessorato regionale ai Trasporti, ha scritto all'Autorità di regolazione dei Trasporti (Art) per avere notizie sul “ristoro degli abbonamenti”.

“In data 1° aprile - fa sapere Malaponti - l’Autorità di regolazione dei Trasporti ci risposto di aver preso in carico la nostra segnalazione, nella quale si chiede riscontro alla Regione delle misure che si intendono intraprendere nei confronti dell’utenza pendolare, alla luce delle vigenti disposizioni atte al contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

“Gli uffici - si legge nella nota di riscontro - stanno procedendo ai necessari approfondimenti ai fini delle valutazioni di competenza dell’Autorità, nell'ambito delle funzioni e dei compiti attribuiti dalla norma istitutiva (articolo 37 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n.214)”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia