Ritorna un nuovo appuntamento con “Top & Flop”! la rubrica di Ferrovie.Info in cui annoveriamo personaggi, aziende, enti o categorie che si sono, a nostro avviso, distinti in positivo e in negativo questa settimana. 

Diteci la vostra sulla nostra Pagina Facebook.

Partiamo!

Purtroppo, come in tutti gli aspetti delle nostre vite, anche dentro questa rubrica dobbiamo fare i conti con la pandemia in corso. Trovare qualcosa di "top" in questi giorni è davvero impresa improba, ma ci proviamo lo stesso. Salvare il salvabile e tenere duro, in questa fase incredibilmente complicata.

TOP - Catena di solidarietà

Chi tanto, chi poco, chi tantissimo: anche nel mondo dei trasporti non sono mancate le donazioni benefiche in favore del nostro settore più prezioso al momento, quello medico-sanitario.

Non citiamo volutamente alcun nome dei donatori, perché non intendiamo fare la lista della spesa o inutili classifiche. Per certo, questa ondata di solidarietà e di donazioni è davvero una delle pochissime cose che possiamo salvare di questo periodo.

Ormai conta poco il proprio "core-business": è chiaro che tutti gli schemi o almeno buona parte di essi sono saltati.

I treni sono perlopiù fermi, le officine chiuse, i passeggeri non ci sono. Non senza paura per il domani, i responsabili delle varie aziende di trasporti o collegate ad essi (al pari di quelle degli altri settori) donano, offrendo così il proprio aiuto fattivo nello sconfiggere questa pandemia. Non si può fare altro, oltre che stare a casa ed evitare i contatti.

È dura, durissima e la luce alla fine del tunnel è ancora lontana, ma gesti di questo tipo lasciano pensare che se remiamo tutti nella stessa direzione ce la possiamo fare davvero. E forse anche prima del previsto.

FLOP - Negligenza intorno ai binari

Qualcuno ha probabilmente sbagliato qualcosa nel fare quei lavori e c'è andato di mezzo un innocente macchinista che stava facendo il suo lavoro. Difficile spiegare altrimenti il crollo del ponte in corso di sostituzione sulla trafficatissima linea Friburgo - Basilea, nel sud-ovest della Germania. 

Va detto che la dinamica è ancora oggetto di indagine, ma è chiaro che qualche elemento del ponte che era in corso di sostituzione sia caduto poco prima del passaggio di un convoglio RoLa finendo sui binari e venendo travolto dal treno in transito.

Il macchinista è deceduto. Ci sono stati, peraltro almeno 10 feriti, invece, tra i camionisti che erano seduti nella vettura dietro alla locomotiva. L'incidente è avvenuto nelle vicinanze di Auggen nel Baden-Württember. La linea Friburgo - Basilea è stata bloccata per molte ore. 

DB Netz ha avviato un indagine, ma una cosa è certa: i ponti sopra la ferrovia non dovrebbero crollare al passaggio di un treno, nemmeno se sono vecchi o in via di sostituzione. A meno di clamorosi colpi di scena qualcuno ha sbagliato e le ferrovie tedesche debbono trovare i responsabili. Le morti bianche non hanno bandiera: in Germania come in Italia, servirà giustizia per quel lavoratore ucciso sul suo posto di lavoro.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia