Il Consiglio di Stato dà il via libera al servizio di Trenitalia in Valle d’Aosta respingendo definitivamente il ricorso di Arriva srl, seconda classificata nella gara d’appalto.

Lo comunica l’assessorato regionale ai trasporti.

«È stato infatti sostanzialmente confermato il precedente pronunciamento del 2019 del Tribunale amministrativo regionale della Valle d’Aosta. Questa sentenza ha confermato il corretto operato della Regione e dell’Inva spa in qualità di Centrale Unica di Committenza Regionale su una procedura innovativa e complessa, costruita internamente alla Regione, senza ricorso a consulenti esterni e che costituisce uno dei pochi appalti per il servizio ferroviario in Italia, l’unico che ha visto la competizione tra due imprese diverse».

Il nuovo contratto, che potrà essere operativo dal mese di dicembre, riguarda i servizi ferroviari sulle tratte Aosta-Torino, Aosta-Ivrea e, non appena sarà riaperta la linea, anche sulla Aosta-Pré-Saint-Didier, per un totale di circa 1.650.000,00 km annui di servizio, con un importo di circa 74 milioni per i 5 anni, e la possibilità di proroga per ulteriori 5 anni. Sono previsti l'utilizzo dei nuovi treni bimodali, l'integrazione tariffaria, l'apertura di numerose biglietterie ed un sistema di informazioni in italiano, francese ed inglese.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia