In questi giorni sono all'opera sulla linea ferroviaria Pinerolo-Torre Pellice operai di RFI.

Di ufficiale non è stato comunicato nulla, ma da quello che si può constatare e da quanto ha appreso L'Eco del Chisone in colloqui informali con gli addetti di RFI sul posto, si sta provvedendo alla rimozione della linea aerea.

Grande secondo il giornale on line è ovviamente lo sconforto tra coloro che ancora speravano in una riattivazione della linea. L'Eco del Chisone ricorda però che, a febbraio, la Regione aveva comunicato in un incontro tra i sindaci interessati alla tratta, di non aver intenzione di investire in tempi brevi sulla tratta in questione, nonostante la ripresa del servizio fosse inserita nel bando per la gestione dei trasporti ferroviari della Città metropolitana aggiudicato da Trenitalia.

Nel medesimo incontro sindaci si erano detti disponibili ad accettare la soppressione definitiva della linea, in cambio della possibilità di portare avanti un progetto per la creazione di un collegamento su gomma sul sedime dei binari dismesso, progetto che si sarebbe voluto affidate ai tecnici dell' Università. Non si sa se la decisione di procedere alla rimozione della linea elettrica sia conseguente a quegli incontri oppure fosse un intervento già programmato.

A metà pomeriggio, tuttavia, arriva una smentita. Lo assicurano dall’assessorato regionale ai Trasporti: «RFI, gestore della rete, ha avuto avvisaglie di possibili furti di materiale e sta provvedendo a un intervento di rimozione – spiegano –. Inoltre quella linea area sarebbe stata da smantellare anche in ottica di una riapertura, perché gli impianti sarebbero da adeguare». La stessa RFI conferma e precisa: «L'intervento segue una serie di tentati furti e vuole mettere in sicurezza il materiale, ma non inficia il futuro della linea».

L'articolo completo è disponibile cliccando qui.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia