Alla luce delle disposizioni del Consiglio federale e del progressivo allentamento dei provvedimenti contro il coronavirus, il 6 e 8 giugno le imprese dei trasporti pubblici revocheranno un’altra serie di restrizioni.

In particolare, riprenderanno l’attività gli operatori dei servizi di trasporto prettamente turistici, attualmente interrotti, come le ferrovie di montagna e i battelli. I trasporti pubblici svizzeri si preparano quindi a tornare in gran parte alla normalità. Rimarranno ancora sospesi singoli collegamenti notturni e alcune corse supplementari nelle ore di punta.

Sulla base della pianificazione attuale, che prevedeva un ulteriore allentamento per l’8 giugno, non tutte le imprese di trasporto saranno in grado di attuare la prossima fase di apertura già per il 6 giugno e si adegueranno quindi per l’8 giugno. Prima di ogni viaggio, si raccomanda pertanto di consultare le indicazioni delle singole imprese di trasporto e ferrovie di montagna.

Resterà in vigore il piano di protezione per i trasporti pubblici introdotto l’11 maggio, che è stato integrato con le necessarie specifiche. Sulle linee turistiche, il piano sarà quindi valido con la seguente disposizione aggiuntiva: gli operatori saranno tenuti a considerare, per quanto possibile, le direttive di distanziamento sociale già al momento della prenotazione e della vendita dei biglietti.

Con la terza fase di ripristino dell’orario regolare, gli operatori dei trasporti pubblici risponderanno al previsto aumento dell’affluenza.

I mezzi pubblici saranno quindi nuovamente disponibili, perlopiù con le cadenze abituali, e pronti ad accogliere tutti coloro che ricominceranno a recarsi al lavoro o a effettuare le prime escursioni. Maggiori informazioni sull’offerta delle singole linee dei trasporti pubblici e turistici saranno comunicate dai rispettivi operatori.

Dal 6 e 8 giugno le imprese dei trasporti pubblici svizzeri reintegreranno i servizi che erano stati sospesi durante l’orario transitorio.

Le prenotazioni di gruppo saranno ad esempio di nuovo possibili. Gli operatori dei collegamenti desiderati terranno conto della relativa occupazione e, all’occorrenza, proporranno ai gruppi soluzioni alternative. Il rispetto delle direttive dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) è responsabilità dei viaggiatori.

Le imprese di trasporto ripristineranno per allora anche l’offerta gastronomica a bordo – ad esempio le carrozze ristorante nei treni e i ristoranti sui battelli – e nelle stazioni. In questo contesto si applicherà per analogia il piano di protezione per il settore alberghiero e della ristorazione. Gli operatori renderanno inaccessibili singoli posti o tavoli per garantire sempre una distanza adeguata tra gli ospiti.
Laddove necessario e opportuno, installeranno pannelli in plexiglas e indicatori di distanza. I collaboratori indosseranno la mascherina e, se lo desiderano, anche guanti monouso. Dovranno disinfettare gli oggetti come tavoli, tovaglie di plastica e menu dopo ogni utilizzo nonché servire cibi e bevande in stoviglie usa e getta. I clienti saranno invitati, nella misura del possibile, a pagare senza contanti e senza contatto. Dal 6 e 8 giugno saranno inoltre di nuovo attivi, senza restrizioni, i vari servizi di trasporto bagagli.

Il piano di protezione per i trasporti pubblici introdotto l’11 maggio è stato integrato con le specifiche riguardanti le offerte e i servizi che saranno ripristinati il 6 e 8 giugno, come il traffico turistico e la ristorazione ferroviaria. Il piano di protezione si basa sulle disposizioni del Consiglio federale e rimarrà in vigore fino a nuovo avviso. Se la strategia del Consiglio federale lo richiederà o se risulterà necessario durante l’attuazione, esso sarà adattato.

Gli operatori dei trasporti pubblici raccomandano vivamente ai clienti di indossare la mascherina quando non è possibile mantenere la distanza interpersonale di due metri nonché di acquistare i biglietti online, tramite app o ai distributori automatici e di pagare senza contatto agli sportelli. Nei collegamenti transfrontalieri vige il principio di territorialità: i viaggiatori devono attenersi alle direttive del Paese in cui si trovano.

Il piano di protezione per i trasporti pubblici fa affidamento sulla responsabilità individuale e sulla solidarietà dei viaggiatori. Attenendosi alle misure descritte, viaggiare con i trasporti pubblici è sicuro. Le imprese di trasporto hanno intensificato gli interventi di pulizia e disinfezione e comunicato le norme comportamentali. Continueranno naturalmente ad attribuire grande importanza anche alla protezione dei propri collaboratori.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia