Il caos treni tra Piemonte e Liguria è la rappresentazione evidente dell’incapacità di Cirio e della sua Giunta.

Incapaci di prendere decisioni, incapaci di copiare governatori più intraprendenti (Liguria, Emilia Romagna solo per fare qualche esempio), buoni solo a lamentarsi e pretendere non si sa bene quali provvedimenti dal Governo nazionale. Ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti: treni che partono pieni dalla Liguria e, varcato il confine con il Piemonte, il 50% dei passeggeri è costretto prendere bus sostitutivi. Il tutto perché la Giunta piemontese non ha ancora preso decisioni chiare sul distanziamento sociale sui mezzi pubblici, a differenza di altri governi regionali di tutta Italia e di ogni colore politico.

Mai più un week end nero come quello appena passato, Cirio e l’assessore Gabusi prendano subito una decisione. Sono pagati per quello, non certo per lamentarsi di continuo e scaricare le responsabilità su altri.

È surreale che questa maggioranza, a trazione Lega, non perda occasione per invocare maggiore autonomia, ma quando deve prendere decisioni per conto proprio si rivela incapace e inadeguata. Cirio e la Lega vorrebbero poteri speciali ma alla prova dei fatti non sono in grado nemmeno di esercitare quelli “normali”.

Questo il comunicato del, Capogruppo regionale M5S Piemonte Sean Sacco e del Consigliere regionale M5S Piemonte e Vicepresidente Commissione regionale Trasporti Ivano Martinetti.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia