Come tante altre realtà del nostro Paese, anche Trentino Trasporti è stata messa a dura prova dalla pandemia.

Dall'analisi resa nota ieri, si evince che la società ha registrato circa 6 milioni di euro di mancati incassi. Il dato è emerso durante l'assemblea in cui è stato anche approvato il bilancio 2019 che chiude con un leggero utile, pari a circa 6.000 euro.

Sul 2020 pesa invece l'incognita del coronavirus e dei suoi effetti sul numero di passeggeri trasportati, anche se il costo gestionale dell'azienda, che occupa 1.300 dipendenti e registra un costo del personale di 60 milioni, viene coperto in maniera preponderante dalla fiscalità.

Lo scorso anno si è registrata una crescita sia dei chilometri di trasporto pubblico offerti, sia del numero totale di passeggeri, passati da 49 milioni nel 2014 a 56 milioni. Le percorrenze totali ammontano attualmente a 15 milioni di chilometri, fra gomma e ferrovia. La puntualità registrata sui servizi ferroviari è di circa il 95%.

Ancora delle criticità si registrano invece sui servizi di trasporto urbano su gomma, in particolare a Trento, a causa della presenza del traffico privato. «Rispondere in maniera adeguata alle esigenze di mobilità poste dai pendolari che gravitano soprattutto su Trento e Rovereto rimane un impegno determinante», ha detto il dirigente dell'Unità di missione strategica mobilità della Provincia autonoma di Trento Roberto Andreatta.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia