Non ci bastava il Covid, ci si mettono anche regole poco chiare.

Per questo motivo torna in Piemonte, almeno per ora, il distanziamento sui treni e sui bus extraurbani di GTT.

Svanisce dunque la possibilità di occupare il 100% dei posti a sedere, stabilita dalla Regione con l’ordinanza dello scorso 10 luglio, e ricompaiono i cartelli di divieto a sbarrare un sedile ogni due.

Una sorpresa per i viaggiatori che ovviamente sono rimasti spiazzati. Dalla compagnia fanno sapere di essere in attesa di chiarimenti da parte della Regione stessa. Il DPCM del Governo del 14 luglio autorizza infatti a viaggiare vicini solo se prima di salire a bordo viene misurata la temperatura corporea, che non deve essere superiore a 37,5 gradi, e verificato, con un’autocertificazione che si è in buona salute e non si hanno sintomi da Covid 19.

Due misure difficili se non impossibili da mettere in pratica su linee affollate e con molte fermate che provocano un continuo sali e scendi di persone sui mezzi.

Per questo motivo, in attesa di chiarimenti da Roma e dalla Regione, GTT ha reintrodotto l’obbligo di distanza di almeno un metro sui treni della SFMA Torino-Ceres, della SFM1 Pont Rivarolo Chieri oltre che sulle linee extraurbane di bus.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia