“I passaggi a livello soddisfano i criteri di sicurezza”.

A sottolinearlo in una nota è Rete Ferroviaria Italiana, dopo l’incidente avvenuto a Maleo, dove a Ferragosto una donna è rimasta uccisa quando la sua auto è stata travolta da un convoglio al passaggio a livello.

La società si dice poi “a completa disposizione e a supporto della Magistratura per contribuire alla ricostruzione del tragico evento” per cui “sono in corso le indagini dell’Autorità giudiziaria che accerterà le cause”. Ed è comunque disponibile “ad accelerare il confronto con gli Enti locali per valutare insieme lo studio relativo all'eliminazione del passaggio a livello”.

“La rete ferroviaria nazionale, in virtù di costanti e continui investimenti in innovazione tecnologica - sottolinea il comunicato -, è tra le più sicure in Europa, con indici di incidentalità al di sotto della media e tra i più bassi in assoluto” prosegue la nota della società. A inizio anni '90, ad esempio, i passaggi a livello erano oltre 12mila, “da allora sono state eliminate circa 8mila interferenze fra strada e ferrovia con un investimento economico di Rete Ferroviaria Italiana di circa 1,5 miliardi di euro”. È prevista per il 2020 l’eliminazione di 100 passaggi a livello, di cui nove in Lombardia.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia