In seguito al bollettino diramato dalla Protezione Civile, che segnala un peggioramento delle condizioni meteorologiche a partire dalla giornata di domani, con precipitazioni nevose e abbassamento delle temperature su gran parte del Nord Italia, Ferrovie dello Stato Italiane ha attivato la fase di allerta dei propri Piani neve e gelo.

In particolare in Valle dAosta, Piemonte, Liguria, Lombardia Sud Occidentale, Emilia-Romagna e Alto Veneto.

Il Gruppo FS Italiane ha avviato azioni per monitorare costantemente l’infrastruttura, assicurarne l’efficienza e garantire così la mobilità delle persone. Sono già attivi i Centri operativi territoriali nelle regioni interessate, coordinati dalle Sale Operative Centrali di Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia.

Già in corso specifici controlli sull’infrastruttura e attività di monitoraggio sugli impianti ferroviari. Circa 250 persone tra operatori della circolazione, tecnici di RFI e delle ditte appaltatrici, oltre ai colleghi previsti in servizio, sono pronte per intervenire in caso di necessità. Nelle prime ore di domani mattina verranno effettuate corse raschiaghiaccio.

Trenitalia ha attivato misure tecniche e organizzative specifiche per garantire la regolarità del servizio, locomotive e treni diesel di soccorso pronti a intervenire. Potenziato anche il servizio di assistenza alle persone in viaggio con team dedicati, circa 100 addetti, nelle principali stazioni delle regioni colpite dall’ondata di maltempo, per fornire informazioni sulla riprogrammazione dei servizi di trasporto.

FS Italiane invita i viaggiatori a tenersi informati sulla situazione della circolazione dei treni anche attraverso i canali di informazione del Gruppo, visitando il canale Infomobilità del sito web rfi.it, ascoltando FSNews Radio, o collegandosi a @fsnews_it, il profilo Twitter di FS Italiane.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia