Attraverso la controllata Combiconnect, il colosso svizzero del trasporto intermodale Hupac si è aggiudicato, le quote azionarie messe in vendita da Finpiemonte partecipazioni (30,06%) e da Sito (13,8%) in Cim, immobiliare a cui fa capo il centro interportuale merci di Novara.

Hupac consolida così la propria posizione nel nostro Paese, dove è già presente con i poli di Busto Arsizio, in provincia di Varese, Piacenza e Pordenone. Novara è il centro intermodale più importante per la società perché è un terminal “core” strada-rotaia che permette di gestire l’interscambio dei carri merci con pianale ribassato impiegati per trasportare i semirimorchi dei Tir.

Dal punto di vista geografico poi il capoluogo piemontese è l’unico incrocio tra i corridoio 5, che collega Lisbona a Kiev, e il corridoio 24 GenovaRotterdam, oltre a rappresentare il terminale naturale della linea merci con il Nord Europa che utilizza, passando dalla Svizzera, il valico del Sempione e riceve parte delle merci che passano dal Gottardo.

Ieri mattina davanti a un notaio è avvenuta l’apertura delle buste e l’offerta di Combiconnect, di poco superiore ai 17,5 milioni di euro contro una base d’asta di 17,4 milioni, è risultata vincente.

“La collaborazione tra Hupac e il terminal di Novara ha radici storiche - fanno sapere dalla società elvetica -. Novara è strategico per i collegamenti attraverso la Svizzera, ma anche per i traffici sull’asse Francia/Italia. Abbiamo pertanto un interesse strategico a sviluppare questo importante polo intermodale, insieme ai nostri partner, fedeli alla nostra strategia “moving together””.

L’articolo integrale sull’edizione on line de Il Sole 24 Ore.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia