Furti nella stazione di Novoli ai danni dei vecchi convogli accantonati, depredati di componenti e arredi.

A sollevare il problema è il deputato del M5S, Diego De Lorenzis, che rende noti alcuni episodi che stanno interessando i treni abbandonati, letteralmente “saccheggiati” da ignoti, che hanno sottratto radiatori, apparecchiature varie e arredi dai treni accantonato sul primo binario.

De Lorenzis, vicepresidente della commissione Trasporti della Camera dei deputati, sottolinea come i pezzi rubati abbiano “rilevanza storica” e siano “tutelati dalla Soprintendenza e destinati a essere riqualificati in chiave turistica”.

Si tratta di “un danno gravissimo ai beni storici del nostro territorio – spiega -, lasciati alla mercé di tutti a causa dello stallo in Regione Puglia, che ancora non ha trovato la soluzione per la loro tutela e valorizzazione, considerato che la stessa Regione non è riuscita ancora a trovare un accordo con la Fondazione FS”.

“Nel momento in cui – prosegue - il Parlamento riconosce il ruolo delle associazioni museali nella legge per il turismo ferroviario, è inaccettabile assistere a queste vicende. Considerato l'alto potenziale turistico dei progetti che potrebbero interessare questi quattro rotabili, chiedo con urgenza lo spostamento dei mezzi presso la stazione di Gallipoli, unica al momento ad avere caratteristiche idonee per proteggere questi beni da successivi furti perché, visto anche quanto accaduto nello scalo Trenitalia di Surbo, dobbiamo impedire che tali azioni criminali accadano nuovamente”.

Foto di Luigi Mighali

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia