Partiranno a settembre i lavori dell’Alta Capacità ferroviaria per la tratta Apice-Hirpinia.

Nelle stesse settimane dovrebbe essere presentato anche il bando per la prosecuzione, da Grottaminarda a Orsara, passando per la Valle del Cervaro sotto Montaguto, dove è previsto un altro scalo intermedio.

È stata ultimata la progettazione definitiva per le tratte Hirpinia-Orsara ed Orsara-Bovino, che permetteranno di collegare la parte campana della linea a quella pugliese. Sono stati già avviati i relativi iter autorizzativi, che consentiranno di pubblicare i bandi di gara relativi agli ultimi lotti dell’opera entro la fine dell’anno. Nel 2020 si apriranno anche i cantieri di queste ultime due tratte. E nel 2026 la linea da Napoli a Bari sarà pienamente operativa.

Lo scorso primo aprile, è stato assegnato anche il bando relativo alla progettazione esecutiva e all’esecuzione dei lavori per la tratta Frasso Telesino – Telese, primo dei due lotti funzionali della tratta Frasso Telesino – Vitulano.

Inoltre, sulle tratte Napoli – Cancello e Cancello – Frasso i lavori sono stati già consegnati alle imprese aggiudicatarie, mentre sulla tratta Telese – San Lorenzo si è conclusa la Conferenza di Servizi ed è in corso quella sulla tratta San Lorenzo Maggiore – Vitulano.

Il progetto Hirpinia-Orsara, proposto dalla Italferr, società di ingegneria del Gruppo FS, elabora un tracciato lungo circa 28 chilometri, di cui 27 in galleria, per un investimento di 1,5 miliardi di euro, e comprende l’elettrificazione dei binari della nuova tratta in variante di tracciato rispetto all’attuale linea ferroviaria.

Questo segmento rappresenta la chiave dell’intero collegamento Roma-Napoli-Bari, pensato e realizzato per connettere sul piano commerciale, industriale e logistico il Sud del nostro paese allEuropa.

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia