Ritorna un nuovo appuntamento con “Top & Flop”! La rubrica di Ferrovie.Info in cui annoveriamo personaggi, aziende, enti o categorie che si sono, a nostro avviso, distinti in positivo e in negativo questa settimana. 

Diteci la vostra sulla nostra Pagina Facebook.

Partiamo!

TOP - Italo e i suoi utili

Alzi la mano chi, ai tempi del monopolio Trenitalia, pensava senza ombra di dubbi che l'operazione NTV sarebbe stato un successo.
Ok, i presupposti c'erano tutti: capitali, manager di livello ai vertici della società, materiale rotabile targato Alstom di ultima generazione. Di insidie sul mercato ce ne erano altrettante, però.

I numeri del 2018, invece, sono del tutto ottimi per l'azienda: l’utile sfiora infatti i 93 milioni, quasi 60 milioni in più rispetto al 2017, il fatturato è salito del 25,6% a 571,6 milioni.

Unico passo falso, la mancata quotazione alla borsa di Milano, che è costata circa 13 milioni. Un peccato veniale, per un'azienda tutto sommato giovane.

Dal punto di vista operativo, con una flotta di 37 treni è stato aumentato del 60,7% il numero dei servizi giornalieri portati da 56 a 90 e del 31,7% la capacità in termini di percorrenza. Oltre a questo, si è visto anche un aumento del raggio d'azione di Italo sulla Milano-Torino-Venezia oltre che Trento, Bolzano e Rovereto.

Quindi, che dire, bravi! A loro va il nostro top, ricordandoci che una sana concorrenza su rotaia non può che portare vantaggi in termine di servizio e tariffe anche e soprattutto per noi viaggiatori.

FLOP - Pendolarismo del graffito

Non scopriamo nulla di nuovo, purtroppo: non è la prima volta, infatti, che i writers europei si spostano dal proprio luogo di origine per recarsi in un'altra zona - anche lontana - ad esprimere la loro arte (direbbero loro) o a insozzare treni (diremmo noi). 

La scorsa settimana due uomini, nemmeno più troppo ragazzini (35 e 38 anni) sono venuti dalla Germania a Ferrara per imbrattare i nostri treni. Per fortuna, però, stavolta sono stati fermati dalla Polizia di Stato.

 

Gli agenti hanno trovato in una delle loro auto 29 bombolette spray di vernice indelebile e una macchina fotografica, nella cui memoria c’erano le foto che ritraevano il 35enne intento a disegnare proprio sul vagone del treno sul quale erano saliti poco prima.

Proprio il 35enne è finito alla fine in manette: non solo treni imbrattati, ma l'accusa ha compreso anche documenti falsi nel portafoglio e porto d'armi abusivo.

Peccato solo che punizioni così severe verso chi imbratta i treni vengano applicate solo raramente e pochi siano quelli che vengono colti "con le mani nel sacco". Flop!

Orario estivo Trenitalia
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia