Dal 2026 ci sarà una nuova fermata nel centro cittadino di Bellinzona nel quadro della creazione del terzo binario tra Bellinzona e Giubiasco.

Questo, dice una nota del comune, “renderà il trasporto ferroviario ancora più attrattivo dopo l’apertura della galleria di base del Monte Ceneri a fine 2020 e il dimezzamento dei tempi di percorrenza tra le principali città del Cantone”. Questo permetterà anche di avere una più intensa disponibilità di convogli tra Bellinzona e Locarno, uno ogni quarto d’ora.

“Grazie a questo progetto - spiega sempre il comune - sarà possibile anche rivalorizzare la vista della murata dei castelli, patrimonio Unisco, e ricollegare il quartiere Nocca al resto della città con nuovi sottopassi pedonali”.

Il progetto nasce da un’intesa a tre tra Ferrovie Svizzere, Canton Ticino e città di Bellinzona. Nel dettaglio, chiarisce il comune, “il progetto 3 binario e fermata piazza Indipendenza prevede ora la realizzazione di un binario aggiuntivo alla stazione di Bellinzona fino al ponte ferroviario Isolabella, situato all’incrocio stradale formato da via Saleggi, via Isolabella e Canonico Ghiringhelli”.

Il nuovo binario sarà lungo 1,6 chilometri e la stazione si avvarrà di un marciapiede nuovo di 220 metri adibito al traffico regionale. “Sotto la collina di Montebello – spiega sempre il comune – sarà scavata una seconda galleria di 300 metri a un solo binario e all’uscita di questa galleria sarà realizzata la fermata di piazza Indipendenza”.

I lavori cominceranno nella primavera 2021 e comportano un costo di circa 170 milioni di franchi. L’utenza potenziale destinata a usufruire della nuova struttura è di circa 14 mila persone. Si calcola poi che questa fermata, in aggiunta a quella già presente, porterà entro il 2025 a un raddoppio dell’utenza attuale ovvero a circa 25 mila utenti giornalieri.

Con il progetto ferroviario, e nell’ottica di valorizzare al meglio le bellezze cittadine con particolare riferimento ai castelli, il comune sta mettendo mano a una variante di Piano regolatore “che permetterà - conclude il comune- di valorizzare ulteriormente l’intero comparto adiacente al centro storico ricucendo i comparti al di qua e al di là della ferrovia attraverso il ripristino dei percorsi pedonali e le vie storiche di vicolo Cusa e vicolo von Mentlen, con una riqualifica e uno sviluppo adeguati e rispettosi del tessuto storico del quartiere”.

Chi arriverà a Bellinzona, quindi, potrà raggiungere immediatamente il suo centro con tutto quanto offre in termini di attrattiva culturale e commerciale. Il progetto ha dunque anche una valenza culturale volta a garantire una più significativa fruibilità delle bellezze del comune ticinese.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia