Ulteriori passi in avanti nella realizzazione della nuova linea ferroviaria Napoli-Bari.

Si è tenuta oggi la Conferenza di Servizi per il secondo lotto funzionale Hirpinia-Orsara, del raddoppio del tratto di linea Apice-Orsara.

Il Commissario Straordinario della linea Napoli-Bari ha convocato i Ministeri competenti, gli Enti Locali e le aziende di servizi pubblici interessati per valutare e approvare il progetto definitivo dell’opera.

Il lotto, del valore di circa 1,5 miliardi di euro, si sviluppa quasi interamente in galleria per circa 27 km  e prevede anche la realizzazione della nuova stazione di Orsara di Puglia.

La Conferenza di Servizi di oggi segue le recenti aggiudicazioni delle gare per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori, sia per il tratto Apice-Hirpinia (primo dei due lotti funzionali della linea Apice-Orsara) sia per la Frasso Telesino-Telese (tratto Frasso Telesino-Vitulano).

I lavori proseguono regolarmente sui tratti Napoli-Cancello e Cancello-Frasso Telesino. I bandi di gara relativi ai lotti rimanenti saranno pubblicati entro il 2020.

La nuova linea ha ottenuto – prima in Europa – la certificazione di sostenibilità ENVISION per il tratto Frasso Telesino-San Lorenzo Maggiore, come esempio di infrastruttura altamente sostenibile, dal punto di vista economico, ambientale e sociale.

L’opera, dal costo complessivo stimato circa 6,2 miliardi di euro, è parte integrante del Corridoio ferroviario europeo TEN-T Scandinavia-Mediterraneo. Nel 2026, alla conclusione dei lavori, faciliterà gli spostamenti da Bari verso Napoli e Roma.
Sarà, così, possibile andare da Bari a Napoli in 2 ore e fino a Roma in 3 ore. Già prima di tale data sono comunque previste progressive riduzioni dei tempi di viaggio, grazie all’apertura per fasi dei nuovi tratti di linea.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia