Un tavolo stabile sulla situazione di disagio che vivono i pendolari sulle tratte tra Emilia-Romagna e Lombardia, in particolare quella che collega Piacenza a Milano.

E’ questa la richiesta contenuta in una risoluzione presentata dal Pd, che ieri è stata votata a maggioranza in Consiglio regionale. D’accordo oltre ai democratici, Sinistra italiana, Movimento 5 stelle e Gruppo misto. Astenuti invece Lega nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

“A questo tavolo - ha spiegato la consigliera Katia Tarasconi, prima firmataria dell’atto - devono sedere oltre a Trenord anche Trenitalia, Regione Lombardia, Regione Emilia-Romagna e le associazioni dei pendolari. Questo perché, ogni volta che si verifica un disagio, un ritardo, un treno troppo pieno c'è un rimpallo di responsabilità tra i vari attori in causa”.

L’atto, ha continuato in Aula la democratica, nasce nello scorso novembre quando la situazione per i pendolari che da Piacenza si muovono per lavoro verso il capoluogo lombardo era critica: per la vetustà dei treni, per il loro sovraffollamento e per i continui ritardi. “Ora qualche piccolo miglioramento c’è stato - ha chiosato l’esponente del Pd - ma la situazione non è ancora risolta”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia