Dovrebbero iniziare a breve i lavori della prima linea ferroviaria moderna in Albania, che collegherà Tirana, Durazzo e Rinas, sede dell'aeroporto della Capitale. 

La copertura di questa prima tranche di opere verrà garantita da un finanziamento da circa undici milioni di euro (1,4 miliardi di lek), la maggior parte del quale arriverà dal Fondo di Investimento dell’Unione Europea (circa 8 milioni di euro – 1 miliardo di lek) mentre la rimanente parte arriverà dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo.

Partecipa al tutto anche il governo albanese pagando l’IVA prevista per quest’anno, ovvero 1,7 milioni di euro (200.000.000 di lek).

La nuova linea ferroviaria non sarà ad alta velocità ma tradizionale, cosa che rappresenta già un gran passo per l'Albania, permettendo ai treni di raggiungere una velocità massima di 100 km/h.

La vera novità sarà però rappresentata dal nuovo tratto ferroviario che permetterà agli utenti di arrivare in un terminal passeggeri dell’aeroporto internazionale di Rinas.

Stando a quanto riportato da Gazeta Shqip, l'inizio dei lavori è previsto nella zona di Kashar, alla periferia di Tirana, dove peraltro termina attualmente la linea dopo la soppressione della tratta che conduceva fino al centro della città.

Il progetto prevede che la tratta tra Kashar e Rinas attraversi i villaggi di Domje, Bërxullë e Brukë. Popolari i prezzi dei biglietti che dovrebbero oscillare da 1 a 1.20 euro.

Di annunci se ne sono sentiti tanti negli ultimi anni, e anche sulle nostre pagine ne abbiamo rilanciati tanti. Stavolta, tuttavia, pare proprio che sia quella buona, anche perché il trasporto ferroviario statale albanese è in una situazione di degrado totale, con una tendenza al ribasso del trasporto di passeggeri e merci e con crescenti perdite a carico dei contribuenti albanesi per milioni di euro.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia