La Sicilia e il rinnovamento della sua linea ferroviaria restano un miraggio anche nel decreto Sblocca Cantieri.

La denuncia di quella che sembra l’ennesima discriminazione nei confronti dell’isola è fatta da Michele Barresi, segretario generale di Uiltrasporti Messina: “I progetti in cantiere e quelli da sbloccare – dice – ci consegnano nell’isola ancora una ferrovia di serie B e parlare oggi solo di Ponte sullo Stretto è come parlare del sesso degli angeli”.

Sotto accusa finisce in particolar modo il pasticcio della “mappa geografica” proposta e poi subito modificata dal ministero dell'Economia e delle Finanze.

Nella prima versione, successivamente rimossa, tra le grandi opere da completare dello Sblocca Cantieri non figura nulla che interessi la Sicilia e la sua rete ferroviaria, “mentre – sostiene Barresi – resta indicata nella seconda versione modificata, una utopistica Tav, alta velocità tra Messina – Catania e Palermo menzionata tra i cantieri già aperti delle ‘grandi opere’, perpetrando così il bluff dell’alta velocità in Sicilia, già caro ai Governi Renzi e Gentiloni.

Una menzogna per anni ripetuta da Governi nazionali e regionali che si dissero pronti a far sbarcare l’alta velocità nell’isola con la cosiddetta cura del ferro dell’ex ministro Delrio che ha lasciato però la Sicilia più anemica che mai”.

“Tutto appare ancora più paradossale – prosegue Barresi – perché avviene mentre i siciliani riscoprono il gusto, un po' effimero e po' vintage, di dividersi tra pontisti e no pontisti con il fiorire di iniziative dell’una e dell’altra fazione, mentre nell’isola si continuerà a viaggiare a 90 km orari di media e sullo stretto raggiungere l’altra sponda in treno o in traghetto resta un’idea ottimista e in alcuni orari persino ambiziosa”.

“È chiaro che discutere di ponte oggi è come parlare del sesso degli angeli – continua – perché la politica che ha spacciato in questi anni i pochissimi investimenti previsti per la rete ferroviaria siciliana come funzionali a portare addirittura l’alta velocità in Sicilia ha mentito sapendo di mentire o sconosce cosa sia la vera alta velocità, quella dei 300 km/h da Roma a Milano“.

Secondo il sindacalista sarebbe “ingeneroso puntare il dito solo sull’attuale Governo”, ma di certo la “visione nord centrica dello sviluppo infrastrutturale degli ultimi decenni ha causato un gap irrecuperabile nel sistema ferroviario isolano che non può di certo essere colmato da una Tav farlocca o dalla sola costruzione del Ponte sullo Stretto, peraltro evidentemente lontana dagli attuali progetti del Governo giallo-verde.

Insomma finora ai 5 milioni di siciliani sono state sventolate illusioni, cinque miliardi di euro già del contratto integrativo di sviluppo – incalza – riguardano unicamente cantieri che dovevano partire nel 2015 e in buona parte opere che già dovevano essere quasi completate. Oggi le rispolveriamo forse per mero populismo, spacciando ancora per Tav il solo progetto di raddoppio della Messina – Catania e una misera velocizzazione della Catania – Palermo.

Per la linea Messina – Palermo invece, dorsale sulla quale viaggia il 30% dell’utenza e che è la più remunerativa nell’isola, non c’è progetto alcuno di raddoppio per quasi la metà dei 230 km che dividono i due capoluoghi.

Insomma – conclude Barresi – continuano a venderci come nuovi sempre gli stessi cantieri mai completati e le stesse ‘grandi opere’ che grandi non sono, mentre i siciliani viaggiano spesso con treni trainati ancora da locomotive dell’ante guerra, su un binario unico per l’80% della rete, all’altissima velocità di 90 km orari”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia