Successo per il Porrettana Express, il progetto di valorizzazione del territorio montano e della storica linea ferroviaria che nel 1864 unificò il nord e il centro-sud dell’Italia.

Tutto esaurito, ieri, per il primo degli otto treni tematici che fino al 27 ottobre percorreranno il versante pistoiese della ferrovia, fino alla stazione di Pracchia.

Il convoglio storico, trainato da una locomotiva elettrica E.656.023, primo esemplare di una serie consegnata alle FS nel 1975, è composto da una vettura di prima classe degli anni Venti, carrozze “Centoporte” e “Corbellini” e da un bagagliaio posta anni ’40.

Prima tappa Castagno con l’aperitivo offerto dalla proloco. L’arrivo a Pracchia all’ora di pranzo, dove all’uscita della stazione lo stand allestito da Coldiretti ha offerto le specialità gastronomiche dei produttori agricoli della Montagna Pistoiese.

Nel primo pomeriggio la partenza in pullman per la visita ai vari poli dell’ecomuseo della Montagna Pistoiese; poi tutti di nuovo a Pracchia. Alle 19 il rientro a Pistoia.

Il progetto nato per iniziativa di Transapp - entità che raccoglie 26 associazioni pro-loco, culturali, ambientali delle province di Pistoia e Bologna -, è stato appositamente studiato per dar vita ad un vero e proprio ecomuseo ferroviario, e per valorizzare la Porrettana e promuovere ad ogni livello il territorio montano tosco-emiliano.

Il progetto è promosso e sostenuto dai Comuni di Pistoia e di San Marcello Piteglio, Regione Toscana, Toscana Promozione Turistica e Fondazione CARIPT e realizzato in collaborazione con Fondazione FS Italiane.

Molti i soggetti locali coinvolti: dall’Ecomuseo della Montagna pistoiese al Museo della SMI e Linea gotica, dalla Cooperativa Pantagruel all’associazione culturale Il Funaro, da Legambiente agli Amici del Giallo.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia