Un fine settimana alla scoperta della cucina e dei vini piemontesi. E’ questa una delle proposte della collana Itinerari di pAssaggio, progetto realizzato da Trenitalia (Gruppo FS Italiane) e Slow Food Editore. 

Un viaggio in quattordici tappe, partenza da Torino Porta Susa e arrivo ad Alba, su un treno regionale di Trenitalia durante il quale sarà possibile scegliere fra i 34 ristoranti e botteghe tipiche posizionati vicino alle stazioni: un invito a gustare le specialità locali, come la nocciola tonda gentile delle Langhe a Trofarello, la salsiccia e  i cioccolatini al rum di Bra e il tartufo di Alba.

In mezzo, la visita ai bellissimi borghi e ai castelli di Moncalieri, Sommariva del Bosco e Alba. La collana Itinerari di pAssaggio, è nata per proporre il panorama enogastronomico delle regioni italiane e il treno come mezzo per raggiungere oltre 500 produttori, botteghe e ristoratori segnalati da Slow Food nelle vicinanze delle stazioni ferroviarie.

 

“Milioni di persone scelgono il treno regionale, mezzo più ecologico e più attento all’ambiente, per motivi di svago, turismo e gite di andata e ritorno nella stessa giornata", ha evidenziato Sabrina De Filippis, Direttore Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia
I collegamenti di Trenitalia rispecchiano l’impegno della società verso le persone e l’attenzione alle loro esigenze. Gli Itinerari di pAssaggio e i collegamenti per raggiungere parchi, impianti sciistici, spiagge, borghi, giardini e siti patrimonio dell’Unesco sono la conferma dell’attenzione di tutto il Gruppo FS Italiane per favorire il turismo in tutta Italia.
In questo modo, infatti, si distribuiscono i flussi turistici non solo nelle grandi città d’arte, ma anche nelle località di piccole e medie dimensioni ad alta attrattività culturale e paesaggistica”.

“Da trent’anni Slow Food Editore cura, grazie all’aiuto dei soci di Slow Food Italia, una mappatura del territorio italiano", ha dichiarato Carlo Bogliotti, Direttore editoriale della casa editrice della Chiocciola con i migliori indirizzi in cui mangiare, bere e fare acquisti enogastronomici.
Il tutto secondo la filosofia di Slow Food, ovvero nel rispetto di una qualità che si declina con i tre aggettivi buono, pulito e giusto. Una qualità assoluta, anche in termini ecologici e socioeconomici.
Questa ricchezza di osterie, cantine, botteghe, piccoli produttori costituisce il meglio di un’Italia che si muove lentamente, mostrando la bellezza delle province con grande capacità di rispettare le tradizioni, i luoghi in cui è inserita, l’importanza che rappresenta anche a livello internazionale. Il progetto con Trenitalia è dunque scaturito in un modo che possiamo definire naturale”.

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia