Tutto fa una pausa, tranne le demolizioni di rotabili obsoleti di Trenitalia.

Abbiamo atteso qualche giorno per darvene conto perché se ne sono mossi in questa settimana talmente tanti che valeva la pena fare un riassunto alla fine.

Iniziamo dal 14 ottobre, giorno in cui hanno mosso da Cremona ad Alessandria ben sei tra automotrici e rimorchi. Per l'esattezza hanno fatto quello che noi chiamiamo "penultimo viaggio" (l'ultimo è quello per San Giuseppe di Cairo) la ALe 582.003 (Breda PT-Marelli, 1987), il Le 562.032 (Stanga, 1988), il Le 562.047 (Fiore, 1988), il Le 884.168 (Fiore, 1983), il Le 884.127 (Breda PT, 1983) e il Le 763.136 (Fiore, 1990).

Due giorni dopo hanno fatto invece l'ultimo viaggio di cui sopra la 214.4052 (Socimi, 1980), la 245.2107 (Badoni, 1977) e la 245.2118 (Greco, 1977).

Possente invio di locomotori, invece, nella giornata di ieri. Da Firenze Osmannoro hanno mosso alla volta di Alessandria la E.646.114 (Breda, 1964), la E.646.122 (OM-CGE, 1964), la E.646.141 (Savigliano, 1964), la E.646.152 (Breda, 1964) e la E.646.185 (Savigliano, 1965). Ad esse si sono aggiunte anche due macchine termiche, la D.445.1093 (Omeca, 1986) e la D.445.1131 (Casertane, 1987).

Da ultimo, proprio nella giornata di oggi, ennesimo trasferimento da Trieste ad Alessandria con in composizione il rimorchio Le 108.069 (Cittadella-Ansaldo, 1978), e le automotrici ALe 801.035 (Stanga-Marelli, 1977), ALe 801.055 (Stanga-Marelli, 1979) e ALe 940.006 (Fiore-Lucana, 1977).

Alcuni dei convogli avevano in composizione anche vetture destinate anch'esse alla riduzione volumetrica che non abbiamo elencato per praticità.

Foto di repertorio di Michele Sacco e Luca Faggi

Orario invernale Trenitalia
Giorni
Ore
Min.
Sec.

Aerei

La ferrovia che scompare

Approfondimenti

Ferroviaggi

Correva l'anno

Lavoro in ferrovia

Promozioni in corso

Eventi

Curiosità brevi

Treni e tecnologia